Dogan Presse Agence France | Actualite | Politique | Journal
 


Amburgo:prosecuzione del processo a Erdal Gökoglu

Processo contro l'oppositore politico turco Erdal Gökoğlu continua lunedì 11 febbraio 2019 alle 9 del mattino nella corte di Amburgo, in Germania.

Una nuova udienza del processo a Erdal Gökoğlu si terrà alle lunedì 11 febbraio 2029 alle ore9:00,presso la corte di Amburgo in Germania.

 Mentre Martedì 5 febbraio 2019, dalle 9:00 alle 16:00, il processo di Erdal Gökoğlu continuerà . Erdal ha presentato la sua difesa.

Inizia mostrando le fotografie dei massacri di Buca, delle carceri di Ümraniye e Ulucanlar dal 19 al 22 dicembre 2000, quando le forze di sicurezza turche fecero irruzione in venti prigioni per porre fine agli scioperi della fame che stavano osservando prigionieri politici.
In queste fotografie, Canan e Zehra, Ahmed İbili, Cengiz Soydaş, Gülsüman e Şenay, che hanno partecipato al "digiuno fino alla morte" . Sciopero istituito dal 2000 al 2007 contro l'isolamento di Tipo F. Ha anche mostrato le foto del corpo di Sergül Hatice Albayrak, una delle sue mani che ha fatto il segno della vittoria dopo la sua caduta da martire.
Ha poi affrontato il tema dell'oppressione e della resistenza in Turchia, incluso il fatto che lo sciopero della fame è stato un metodo di resistenza adottato non solo nel suo paese, ma anche dall'antichità romana, ancora oggi. in diversi paesi del mondo come Iran, India o Bolivia.
In una seconda parte, ha menzionato il tema degli avvocati turchi imprigionati per due anni e che avevano iniziato uno sciopero della fame per sedici giorni.

Se riprendiamo le osservazioni di Erdal Gökoğlu in dettaglio, ha prima esposto il caso di Nazım Hikmet che "per la prima volta nella prima metà del XX secolo, è stato condannato a 28 anni e quattro mesi di prigione nel 1938. Nazım non abbandonò il suo pensiero durante il periodo di prigionia. Ha anche ricordato che varie organizzazioni e partiti socialisti hanno lanciato una campagna di solidarietà per Nazım Hikmet, che era stato rilasciato nel 1950.Poi, Erdal Gökoğlu ha spiegato che: "Lo sciopero della fame in Turchia è un metodo politico per cercare di far valere i propri diritti. Dichiara inoltre che: "l'accordo di Malta vieta l'intervento dei medici. Sono stato rilasciato dalla prigione in Turchia a causa della mia malattia di Wernicke-Korsakoff, che ho contratto durante la resistenza dello sciopero della fame. Hai messo da parte l'accordo di Malta e cerchi di giudicarmi. "

"Qui ci sono due lati, due ideologie, due classi! "

Riguardo alla situazione in Turchia, ha detto: "Oggi, se ci sono ancora quelli che resistono contro l'oppressione e la tirannia in Anatolia, è a causa della resistenza passata. Gli scioperi della fame continuano oggi nelle carceri turche. Date le condizioni in carcere, un detenuto non ha altro da usare. Nessuno dovrebbe essere demagogico. Se una persona mette la sua vita sulla linea, nessuna parola può essere pronunciata. Nessuno dovrebbe dirmi cosa è buono e cosa no. "
Aggiunge: "Ero uno di quegli uomini che venivano perquisiti all'obitorio perché pensavano che fossi morto. La maggior parte dei crimini sono stati commessi contro i miei amici e me. Hai mai pensato: 'Siamo arrivati alla fine della vita?' Quando svieni, ti chiedi : 'La morte è probabilmente così!' ? Hai respirato l'odore dei corpi bruciati? Hai indosso un corpo da adulto di undici chilogrammi sulle spalle? Per un guardiano del cimitero, non c'è differenza tra i vivi e i morti. Pensa a 122 bare che si succedono l'un l'altra. Ogni bara misura tre metri e dieci persone la portano su una strada di un chilometro. Una strada lastricata di corpi umani, senza asfalto! Un cammino verso la libertà, verso la giustizia. "

Erdal Gökoğlu afferma: "Sai benissimo cos'è l'isolamento. Le prigioni di isolamento di tipo F sono state sinonimo di morte e tirannia. Negli anni '90 è stato affrontato il tema delle prigioni di tipo F. Negli anni 2000, i prigionieri e le loro famiglie lo hanno definito isolamento, repressione e tortura. Hanno detto che se li volevi morti, erano pronti a morire. Si sono sacrificati dicendo "smettila di intimidire e spaventare la gente". Ora, mi chiedi perché continuo le mie attività. Non c'è nulla di male in questo: puoi continuare a farmi la domanda. Quale della bara 122 dovrei prendere in considerazione? Abbiamo condiviso il nostro cibo e i nostri sogni con molti di loro. "

Erdal Gökoğlu ha quindi dato l'esempio di Ahmet Ibili che, durante la strage del 19 dicembre 2000, ha dato fuoco ai suoi vestiti prima di recarsi al gendarme presente. La reazione di questi fu di sparare sul corpo infuocato di Ahmet Ibili. "Qui ci sono due lati, due ideologie, due classi! Ha detto.Ha poi preso gli esempi delle madri Gülsüman e Şenay, oltre a Canan e Zehra. "Sì, queste persone hanno dato la vita per me. Come guardare negli occhi i figli di Gülsüman e Şenay e il padre di Canan e di Zehra? quando venni in Europa, mi sono comportato come se nulla fosse accaduto? Se tu fossi al mio posto, potresti guardarli negli occhi? Devo dire loro di dimenticarlo? Ha aggiunto.

"La giustizia è il pane delle persone"

Ha poi preso un nuovo esempio, quello di Sergül Hatice Albayrak. "Era una dei miei 122 amica.Era giovane e piena di vita. È nata e cresciuta in Germania. Sua madre e suo padre erano separati. È cresciuta per la strada. Era sotto l'effetto della droga e della decadenza. Corse dall'avventura all'avventura. Era una donna impavida e pazza. Ma lei ha lasciato questo crollo. Ha incontrato i rivoluzionari. Quando ha visitato il suo paese, è stata detenuta, torturata, violentata e imprigionata. Sono stato il primo ad incontrarla quando è arrivata alla prigione. Aveva sperimentato ogni sorta di cose durante il suo arresto. Non poteva parlare correttamente la sua lingua madre. Aveva 18 anni, ma era maturata dopo aver subito atrocità commesse dallo stato in prigione. Si trovò di fronte allo stato fascista e alla vita lì. Ha sperimentato la prigione di tipo F e il digiuno a morte. Non poteva dimenticare le sue esperienze. Pochi giorni dopo il suo rilascio, è scappata di casa e si è bruciata viva in Piazza Taksim.

'Ferma l'isolamento, ferma i morti', ecco cosa è stato scritto su un cartello. Ha lasciato la prigione. È stata rilasciata. Nessuno l'ha costretta a fare nulla. "
Erdal Gökoğlu continua: "È normale che tu non capisca. Posso darti molti altri esempi. La vita di tutti è un libro che non è stato ancora stampato. Anche se non è stato scritto, è stato vissuto. Nessuno può farli dimenticare.

Sono stato fortunato, ho avuto amici. Uno dei miei amici era Mehmet Akdemir. Attualmente è un prigioniero perché combatte contro la droga, la prostituzione e la decadenza nel suo quartiere. È l'amico che mi ha aiutato di più. Cosa stai facendo? Stai cercando di aprire cause contro di loro ...

Dopo tutto quello che ho passato, pensare a cose del genere non sto dimenticando ciò che ho passato, spiegandoli e sistemando i conti con gli assassini. Mantiene vivi i 122 morti. Queste sono ragioni sufficienti per vivere. "Alla fine, Erdal Gökoğlu ha concluso la sua difesa con queste parole: "Invece di far parte dell'ordine corrotto, ci stiamo battendo perché cambi. Anche se è un tribunale borghese, non è necessario capire l'umore umano? Sfortunatamente, ovunque , vedi solo il terrore. È un crimine amare i miei cari fino alla morte? La mia fame è un crimine? Lo sciopero della fame è un crimine? È un crimine resistere alla persecuzione? La giustizia è un crimine? La punizione è un crimine? Qual è il dovere dell'avvocato? Lui / lei deve dirmi: sto applicando le leggi e sto solo facendo il mio lavoro? Cosa succede se le leggi e la realtà della vita non coincidono? Ogni professione ha una morale e non è solo un compito da realizzare. Questo è come deve essere fatto e per tutti.

Durante il regno di Hitler, la Germania era arrabbiata con Brecht. "La giustizia è il pane della gente", ha detto Brecht. "Non è necessario una volta, ma ogni giorno," disse. Brecht è il popolo, è uno di noi. Come Brecht, dico: la giustizia è il pane della gente e viva la giustizia della gente. "

Erdal Gökoğlu è in isolamento da 25 mesi. Secondo la giustizia tedesca, sarebbe un funzionario che dirige il DHKP-C, il Fronte rivoluzionario del partito di liberazione popolare, classificato come un'organizzazione terroristica.

Dopo 6 anni di prigione in Turchia nel 2007, Erdal Gökoglu è stato riconosciuto come rifugiato politico turco dal Belgio dove visse dal 2002. In seguito a un mandato di arresto internazionale emesso dalla Germania, è stato arrestato il 13 novembre 2017 in Belgio, poi estradato in Germania ad Amburgo, dove il suo processo è iniziato il 7 giugno 2018.

Date di prova: lunedì 11 febbraio alle 9:00 - martedì 12 febbraio alle 9:00 - lunedì 18 febbraio alle 9:00 - martedì 19 febbraio alle 9:00 - martedì 26 febbraio alle 9:00 - giovedì 28 febbraio alle 9:00

Ubicazione: Court - Sievekingplatz 2 - Amburgo - Germania
Informazioni: 0049174 4549193
Indirizzo: Erdal gokoglu - HOLSTEN GLACIS 3, 20355 Amburgo - Germania

Dogan Press Agency


:

Photos de l'article

Video de l'article

Articles similaires

 

France

Politique

Economie

Jeunesse

Culture

Technologie

Cinema Guichet

Valence ville

Drome

SPORT

Sante

Vidéos les plus vues

Monde

LE TOP 6 DES ARTICLES


siber güvenlik