'Libertà per tutti i prigionieri rivoluzionari'
 


'Libertà per tutti i prigionieri rivoluzionari'

La sera del 18 ottobre si è svolta una conferenza in Place Saint-Sernin-la-Bourse du Travail a Tolosa.

Tema centrale della conferenza: libertà per George Ibrahim Abdallah
imprigionato in Francia e condannato a 35 anni di reclusione.
Il Collettivo Palestina Vaicra chiede la libertà di tutti i prigionieri politici e del prigioniero rivoluzionario Georges Ibrahim Abdallah.

L’evento politico ha coinvolto 120 persone, la conferenza si è tenuta la sera del 18 ottobre
alle 18:30. Titolo dell’ incontro “Dobbiamo alzarci per esistere".

Leila Khaled, membro del Fronte di liberazione popolare palestinese (PFLP), Mustafa Awad, ex prigioniero e ballerino palestinese e Pierre Stambul, membro della Society for the Peace of the Jewish of France (UJFP), tra i partecipanti alla conferenza.

Leila Khaled (membro del PFLP) si espressa in merito all’ importanza della lotta per George I. Abdallah , nonché sullo Stato sionista e dei suoi collaboratori .
Laila chiede la libertà di George I. Abdallah e di tutti i prigionieri politici incarcerati in Francia.

Laila afferma che la solidarietà internazionale è molto importante per l'indipendenza e la libertà dei palestinesi.
Dopo Leila Khaled, l'ex prigioniero e ballerino palestinese , Mustafa Awad ha parlato e si è presentato.

Sebbene sia cittadino belga e dalla parte dei prigionieri in Palestina, ha sottolineato che lo Stato belga non ha fatto alcuna iniziativa a suo favore.
Ha dichiarato di non avere altra scelta che opporsi alla tortura e all'imposizione della cooperazione.

Awad ha così descritto la situazione dei prigionieri palestinesi, "essere imprigionati in Israele significa essere soggetto a tutte le forme di tortura, atrocità e maltrattamenti continui e in ogni ogni modalità “ “I palestinesi sono in sciopero della fame da 94 giorni ad oggi, perché lo stato israeliano sta prendendo dei provvedimenti contro i palestinesi incarcerati e i prigionieri palestinesi hanno bisogno di tutto il nostro sostegno ... ", ha affermato .

Mustafa Awad ha quindi dato la parola a Pierre Stambul, membro dell'UJFP.

Pierre Stambul ha sottolineato che stavano rispondendo agli in eventi in Palestina e al fatto che una grande comunità ebraica, non dovrebbe essere indifferente, ma essere solidale. Gli ebrei perseguitati durante il fascismo nazista, non dovrebbero tacere di fronte a queste atrocità.

A questo mio intervento, mi è stato risposto : "Un terrorista che difende i terroristi."
“Sono dalla parte dei palestinesi e mi sento onorato di essere etichettato come “terrorista"" Penso che Terrorista è l'imperialismo stesso - sono gli stessi Stati Uniti. .. ", ha detto, onorandolo per aver difeso la causa del popolo palestinese e stare al loro fianco.
Pierre Stambul, ribadisce che la lotta per la libertà di George I. Abdallah, è la libertà di tutti i prigionieri politici.

Intervengono i rappresentanti del Fronte Popolare (Halk Cephesi): "Vi inviamo i saluti di Musa Asoglu, un prigioniero rivoluzionario recluso nella prigione di Amburgo. Salutano Sefik Sarikaya, il nostro rivoluzionario recluso nella prigione di Rouen in Francia .

Sosteniamo l'onorevole lotta del popolo palestinese, come ha appena detto il nostro amico Mustafa, perché i prigionieri in Palestina hanno fame da 94 giorni pur di resistere con il loro onore e accogliamo con favore la resistenza dei prigionieri palestinesi.

I membri di Grup Yorum, la voce del popolo contro l'oppressione del governo repubblicano turco fascista AKP, hanno fatto lo sciopero della fame per 155 giorni ed un prigioniero rivoluzionario di nome Mustafa Koc è condannato a morte. Per questo motivo ha trasformato la sua lotta in uno sciopero della fame fino alla sua morte, se non avrà un processo equo.

Kezban vuole giustizia per sua figlia, è al 449 ° giorno di sciopero della fame, principale membro della resistenza.
Gli insorti di Yuksel, che vogliono tornare a lavorare per la giustizia, hanno combattuto per 1085 giorni.

Allo stesso modo Alev Sahin, che vuole trovare il suo lavoro, difende per 987 giorni di Resistenza.
La resistenza continua e continueremo a difenderci. Essere un antimperialista non è un crimine!

Essere rivoluzionari non è un crimine!
Vogliamo la libertà per Georges Ibrahim Abdullah! Vogliamo la libertà per Musa Aşoglu!
Vogliamo la libertà degli avvocati del popolo, incarcerati in Turchia e nel mondo.
Vogliamo la libertà per il popolo curdo.
Vogliamo la libertà per il popolo aramaico!
Salutiamo tutti i popoli del mondo che resistono ", ha detto.

Il Collettivo Vaincra Palestine riunisce decine di istituzioni, incluso il Fronte popolare.
Il Fronte Popolare ha aperto uno stand alla conferenza. Il Fronte Popolare ha quindi preso posizione su Musa Aşoglu, gli avvocati del popolo, lo sciopero della fame di Grup Yorum, la condizione di sciopero della fame fino alla morte di Mustafa Kocak , inserendo manifesti all'ordine del giorno e facendo una dichiarazione in francese.

La conferenza si è conclusa con una conversazione congiunta, durante la quale si è consumato l'aperitivo proposto da ciascuna istituzione.

Agenzia di stampa Dogan
Dogan Presse Agence


:

Photos de l'article

Video de l'article

Articles similaires

 

Politique

Economie

Jeunesse

Culture

Technologie

Cinema Guichet

Valence ville

Drome

SPORT

Sante

Vidéos les plus vues

Monde

LE TOP 6 DES ARTICLES


siber güvenlik