ÇHD e HHB: INIZIAMO LO SCIOPERO DELLA FAME PERCHÉ...
 


ÇHD e HHB: INIZIAMO LO SCIOPERO DELLA FAME PERCHÉ...

Dichiarazione degli avvocati in prigione del CHD (Associazione Avvocati Progressisti) e di Halkın Huku Bürosu (Ufficio del diritto del popolo) che sono in sciopero della fame dal 3 febbraio.

"LA DIGNITÀ È AL DI SOPRA DELLA MORTE"!

Consapevoli che questa lotta è una lotta per la libertà per tutti noi, ci rivolgiamo a tutti coloro che sono contro lo sfruttamento e l'oppressione, affinché affrontino insieme questo periodo e facciano uno sforzo comune per sostenere coloro che praticano la resistenza.

Fino ad oggi, abbiamo cercato di utilizzare tutte le possibilità che la nostra professione ci offre per rafforzare il senso della giustizia.

Siamo stati minacciati, ma abbiamo continuato. Siamo stati censurati e isolati, ma non ci siamo lasciati scoraggiare. Siamo stati strattonati, le nostre braccia e i nostri crani sono stati fratturati durante la tortura, ma non ci siamo arresi.

Siamo stati cacciati dalle aule di tribunale, le nostre sentenze sono cadute in prescrizione, le nostre richieste sono rimaste senza risposta.
Ci abbiamo provato e riprovato.

C'era l'anti-propaganda contro di noi, siamo stati arrestati. Con l'aiuto dei tribunali, è stato messo in moto un meccanismo di menzogne. Abbiamo continuato la nostra lotta.
Ai processi sono stati assegnati procuratori speciali, hanno emesso sentenze speciali contro di noi. E non solo, i nomi dei nostri amici sono stati messi in "liste nere".

L'avvocato Sükriye Erden e l'avvocato Özgür Yilmaz sono ancora minacciati con queste liste e ciò crea un terreno fertile per mettere in pericolo la loro vita.

CI DICONO...

Ci dicono..:
"Non c'è nessun diritto, le leggi non sono una soluzione, anche voi siete prigionieri. Ora non potete più esercitare la professione legale".

Ci dicono..:
"Siete impotenti!"
Siamo impotenti? Sono stati esauriti tutti i mezzi legali?

Quindi non potremo più esercitare la nostra professione di "avvocati del popolo" contro il capitale monopolistico, mentre i nostri territori vengono completamente distrutti e avvelenati, mentre le nostre acque si prosciugano e l'aria viene inquinata?

Non saremo più in grado di dire a chi ci dice "cedere ai terremoti" di essere "colpevole"?

Non saremo più in grado di alzare la voce contro il fatto che i nostri figli vengano dati in mano alle sette come giocattoli e che il loro futuro venga oscurato?

Non esporremo più coloro che dividono e si inimicano la popolazione sulla base della loro fede, della loro denominazione, della loro nazionalità e della loro cultura?

Resteremo in silenzio sul fatto che i curdi sono raffigurati come "terroristi" e che le loro decisioni politiche vengono ignorate, che vengono bombardati e semplicemente eliminati?

Non saremo più in grado di difendere i diritti di coloro che sono stati condannati dalle leggi di emergenza?

Non saremo più in grado di stare al fianco dei lavoratori e degli operai che sono spinti alla disoccupazione e che rivendicano i loro diritti?

Non saremo più in grado di difendere la natura, gli animali, l'ambiente, i luoghi e i quartieri?

Non saremo più in grado di difendere coloro che mettono il loro futuro nelle nostre mani e ci danno il potere di sostenerli nella lotta per i loro diritti?

CHI NON SI PIEGA, NON È IMPOTENTE

I nostri clienti hanno visto che la giustizia non esiste nemmeno nelle favole e hanno fatto lo sciopero della fame, anche fino alla morte. E non dovremmo avere il permesso di rappresentarli ora, nonostante la delega?

Nel colpo di stato del 12 settembre (dittatura militare nel 1980) hanno scritto sui muri quanto segue: "Qui non c'è nessun Dio!" Il loro scopo era quello di togliere anche solo la speranza di pregare. Oggi viene portata avanti la stessa politica. Danno alla popolazione la sensazione di essere "impotente". Ci dicono: "Vi abbiamo tolto tutti i mezzi di lotta", "Arrendetevi", "Non avete via d'uscita".

Chi resiste, chi non si arrende, non è impotente.

INIZIAMO LO SCIOPERO DELLA FAME PERCHÉ...

Non siamo indifesi, facciamo lo sciopero della fame.

Perché è nella natura della professione difendere il popolo e i diritti.
Questo è ciò che dà dignità e rispetto alla professione legale.

Non permetteremo che questa essenza venga distrutta trasformando la professione in una fonte di profitto.

La professione di avvocato non deve essere sottoposta a processo. Lo scopo della nostra "cosiddetta" accusa e del nostro arresto, la nostra condanna a 159 anni di carcere, è di intimidire la professione legale nel suo complesso.

I nostri clienti sono stati in sciopero della fame per centinaia di giorni per chiedere la giustizia che desideriamo.

Mustafa Koçak, i membri del gruppo musicale rivoluzionario Grup Yorum, Ibrahim Gökcek e Helin Bölek sono in punto di morte per chiedere giustizia, un processo equo e i diritti che spettano loro.

Facciamo lo sciopero della fame per dire: "Le giuste richieste dei nostri clienti sono anche le nostre richieste. Devono essere riconosciute".

Il sistema giudiziario è ora uno strumento per condannare il popolo all'ingiustizia, per liquidare gli oppositori politici e i rivoluzionari.

Il "sistema giudiziario" sta bollendo come una "pentola dell'ingiustizia" in cui vengono perseguiti i massacri della popolazione, gli omicidi sul lavoro, i crimini di Stato o dovuti a misure omesse di autorità prevedibili e indotti da "incidenti", mentre i colpevoli restano impuniti e i loro crimini sono legittimati.

Un meccanismo che arresta gli "avvocati del popolo" e lascia il popolo senza difesa non può essere chiamato giurisdizione.

Vogliamo un processo che sostenga i principi giuridici conquistati grazie alle lotte, che garantisca il diritto alla difesa e un processo equo, dove la "punizione" sia provata da prove concrete e scientifiche - un processo ovvio, trasparente, aperto e condotto nell'interesse del popolo.

Vogliamo porre fine a processi che non hanno nemmeno l'apparenza della giustizia, così come alla frode con l'uso di testimoni segreti, all'uso di testimoni chiave, alla diffamazione, alla partecipazione forzata a processi con l'uso di SEGBIS (Sistema di trasmissione audiovisiva), alle sentenze senza prove basate su congetture e accuse astratte, e al mancato rispetto dei principi di procedura penale!

Siamo in sciopero della fame, con la richiesta che "tutti i prigionieri politici condannati a seguito di questi "cosiddetti" processi siano restituiti i loro diritti e i processi, con tutte le loro conseguenze, siano fermati!

Il Ministero dell'Interno sta privando i tribunali della loro giurisdizione e, pubblicando le cosiddette "liste del terrore", sta ignorando il principio più fondamentale della procedura penale, la "presunzione di innocenza".

Le liste del terrore creano il terreno fertile per l'assassinio di oppositori politici e rivoluzionari. Il Ministero dell'Interno si rende colpevole prendendo di mira e uccidendo persone senza una sentenza definitiva.

Le liste dei "terroristi", alle quali sono stati aggiunti l'avvocato Sükriye Erden e l'avvocato Özgür Yilmaz, devono essere cancellate e i massacri compiuti sulla base di queste liste devono essere puniti.

Il sistema giuridico non è solo una copertura per la tirannia delle classi dirigenti, ma è anche uno strumento dei popoli, nato da migliaia di anni di continue battaglie legali.

Oggi tutti i nostri diritti e le nostre libertà sono sotto l'attacco del fascismo. Dai diritti sindacali alla libertà di organizzazione, dalla libertà di riunione alla libertà di espressione, dal diritto alla vita, dalla sicurezza sul lavoro al diritto di vivere in un ambiente sano e pulito, da un giusto processo al diritto di non essere stigmatizzati, tutti i diritti sono stati fondamentalmente violati, invalidati o completamente sospesi.

STIAMO FACENDO LO SCIOPERO DELLA FAME PER GARANTIRE IL NOSTRO FUTURO

Come avvocati rivoluzionari, stiamo facendo lo sciopero della fame per garantire il nostro futuro. Ci assumiamo la responsabilità di difendere i diritti e le libertà storiche e di svilupparle ulteriormente.

Imponendo fame, povertà, disoccupazione e ingiustizia ai nostri popoli, la politica mira all'alienazione, all'eliminazione dei valori e alla rottura della dignità umana.

Con l'aiuto delle leggi, i valori umani vengono attaccati e anche le cause legali vengono aperte a causa della partecipazione alle cerimonie funebri e ai tradizionali banchetti funebri e alle visite di condoglianze, le persone vengono assunte dalla polizia per commettere atti di tradimento e spionaggio, reati morali, come la diffamazione delle persone sono legalizzate e applicate in modo continuativo.

Vogliamo che questa pratica alienante che si chiama " Rimorso Efficiente", che le presunte prove, come la denuncia o le testimonianze segrete, vengono ritirate.

Ogni metro quadrato della nostra terra viene saccheggiato senza sosta di ricchezze naturali, storiche e culturali.

Stiamo facendo lo sciopero della fame perché la nostra gente, i nostri figli, non vengano privati del loro futuro da questa politica del governo, che non pensa ad altro che al profitto.

Facciamo lo sciopero della fame perché ci sentiamo responsabili nei confronti di ogni centimetro di questo Paese. contro il saccheggio e la distruzione della Valle di Munzur (Parchi Nazionali), Ayder Alm, Lago Salda, Hasankeyf, Monti Kaz, Mersins, Sinops, Foreste dell'Anatolia settentrionale, Istanbul, e gli uliveti centenari e le terre della Tracia con pretesti come l'area carbonifera, la base nucleare, la cava, le condutture, il turismo, il rinnovamento urbano, ecc.

Le norme e le pratiche esecutive la cui ostilità politica si esprime nelle leggi e nelle decisioni dei tribunali, sebbene sia una pratica globalmente fuorilegge sottoporre le persone alla tortura in isolamento, privarle arbitrariamente del loro diritto ai libri e alle pubblicazioni, allo scambio reciproco, alla libertà di espressione, alla ricezione di notizie e alla comunicazione, e privarle della loro libertà "fino alla morte" attraverso un regime carcerario aggravato a vita, devono essere abolite!

L'uso delle sofferenze dei prigionieri come strumento di tortura deve essere fermato!

Siamo in sciopero della fame per difendere la dignità umana contro l'isolamento
e la tortura dei prigionieri malati.

Facciamo lo sciopero della fame per dimostrare che non saremo mai impotenti, che non rinunceremo mai a rivendicare i nostri diritti e a difendere la nostra dignità di bene supremo. E vinceremo!

Non ci allontaneremo mai dalla difesa dei nostri clienti e del nostro popolo!

La dignità è al di sopra della morte!


:

Photos de l'article

Video de l'article

Articles similaires

 

Politique

Economie

Jeunesse

Culture

Technologie

Cinema Guichet

Valence ville

Drome

SPORT

Sante

Vidéos les plus vues

Monde

LE TOP 6 DES ARTICLES


siber güvenlik