Özgül Emre rapito dall’ospedale!

È stato reso noto che la giornalista rivoluzionaria Özgül Emre, detenuta in Germania il 16 maggio e arrestata il 17 maggio e in sciopero della fame da 43 giorni contro l'imposizione dell’uniforme carceraria, è stata portata in un ospedale il 27 giugno, contro la sua volontà, dopo che le sue condizioni di salute sono peggiorate.

È in sciopero della fame da 43 giorni contro l'arbitrio antidemocratico, contro i diritti umani e i diritti e le libertà fondamentali imposti dallo Stato tedesco a Özgül Emre. La prigione di Rohrbach, dove è rinchiusa, sta commettendo un crimine portando Özgül davanti alla Corte Suprema Federale tedesca! Se guardiamo alla storia della Germania, il suo intervento forzato contro i prigionieri rivoluzionari ha causato massacri e storpiature dei prigionieri in questione. Lo Stato tedesco, che dovrebbe accogliere le giuste e legittime richieste di Özgül, sta cercando di intervenire con la forza per mutilare e intimidire altri prigionieri rivoluzionari-democratici.

Il Comitato di solidarietà con Özgül Emre, invece, ha sottolineato che la Corte federale tedesca e le autorità ospedaliere saranno responsabili di qualsiasi intervento contro Emre. Il comitato ha chiamato “tutta la nostra gente davanti all'ospedale di Justizvollzugkrankenhaus Wittlich Trierer Landstraße 64, 54516 Wittlich. Ora la nostra gente ha iniziato a venire in ospedale. Stiamo cercando di contattare le autorità dell’ospedale per avere informazioni su Özgül. Ci hanno riattaccato il telefono in faccia. Non permetteremo che il nostro Özgül venga ucciso. Continueremo ad aspettare davanti all’ospedale. Invitiamo tutta la nostra gente a venire qui. Abbiamo sperimentato e visto i risultati dell’intervento forzato che oggi viene sperimentato su Özgül. Non vogliamo che nessuno dei nostri prigionieri venga maltrattato. Che le loro giuste richieste siano accolte”.

DICHIARAZIONE DELL’UFFICIO INTERNAZIONALE DELLO STUDIO LEGALE HALKIN

In seguito all'intervento coatto di Özgül Emre, la dichiarazione dell'Ufficio Internazionale dello Studio Legale del Popolo recitava: "IL NOSTRO CLIENTE ÖZGÜL EMRE PER INTERVENTO FORZATO
rapito dall’ospedale!
IL SUO NOME È BULLISMO! L'INTERVENTO FORZATO È UN OMICIDIO!
LASCIATE CHE LE RICHIESTE DI ÖZGÜL EMREN SIANO ACCETTATE!
PONIAMO FINE ALL'IMPLEMENTAZIONE DEL TTE!

Siamo stati informati che il nostro cliente Özgül Emre, in sciopero della fame dal 17 maggio contro la sua detenzione illegale in Germania e l'imposizione dell’Uniforme (TTE), è stata rapita con la forza e portata in ospedale oggi, contro la sua volontà, a causa del peggioramento delle sue condizioni di salute.
Come abbiamo affermato nelle nostre precedenti dichiarazioni, le condizioni di salute della nostra cliente sono peggiorate a tal punto che non può assumere liquidi, zucchero e sale a sufficienza durante il prolungato sciopero della fame.
Lo zucchero e il sale, che erano richiesti e obbligatori durante lo sciopero della fame, non sono stati dati arbitrariamente al nostro cliente dall’amministrazione carceraria per molto tempo. La nostra assistita ha iniziato a ricevere zucchero e sale dopo molto tempo, ma negli ultimi giorni ha avuto un grave problema di assunzione di liquidi e, di conseguenza, non ha potuto assumere zucchero e sale. A causa di tutti questi motivi, la resistenza corporea della nostra cliente è diminuita rapidamente e, ad oggi, le condizioni di salute di Özgül Emre sono peggiorate ed è stata ricoverata in ospedale contro la sua volontà.

Questo significa che l'amministrazione del carcere di Rohrbach e lo Stato tedesco stanno preparando l’alimentazione forzata, cioè un intervento forzato, contro la volontà del nostro assistito, ignorando la sua volontà di sciopero della fame invece di accettare le sue giuste e legittime richieste. L’intervento medico forzato è illegale, illegittimo. Si chiama bullismo, si chiama tentato omicidio.
Ripetiamo ancora una volta: le richieste della nostra cliente Özgül Emre sono giustificate e legittime. L'imposizione del TTE, illegittima e illegale, deve essere interrotta immediatamente. Altrimenti, l'amministrazione del carcere di Rohrbach e la Corte Suprema Federale Tedesca saranno responsabili di ogni tipo di problema che potrebbe accadere alla nostra cliente e di ogni rischio per la sua vita.
Che le giuste e legittime richieste di Özgül Emre siano accolte!
Si ponga fine all'imposizione dell'uniforme!”.

V.D.

Dogan Presse Agence
www.doganpresseagence.com


:

Poste similare


Photos de l'article

Video de l'article